Statuto dell'Associazione Culturale Biasin

Art. 1 – Costituzione, denominazione e sede

E’ costituita l’associazione denominata “ Gian Paolo Biasin”, con sede in Sassuolo (MO), Piazza della Libertà 29. L’Associazione non ha fini di lucro e gli eventuali utili debbono essere destinati interamente alla realizzazione delle finalità istituzionali di cui al successivo art.2. La durata dell’Associazione è illimitata.

Art. 2 – Scopi e attività

L’Associazione è luogo di incontro, di elaborazione di iniziative, di organizzazione di servizi, di sviluppo di programmi a carattere artistico e culturale che vedano gli associati ad un tempo destinatari e protagonisti delle iniziative programmate. L’Associazione culturale si propone di contribuire allo sviluppo culturale dei cittadini ed alla sempre più ampia diffusione dell’arte come veicolo di cultura. Promuove incontri e rapporti di collaborazione con le istituzioni, gli enti, le associazioni, le scuole, il territorio. Organizza iniziative, servizi, attività culturali e ricreative atte a soddisfare le esigenze dei soci e dei cittadini. Svolge inoltre attività editoriale. Si fonda, sul piano economico, essenzialmente sul principio dell’autofinanziamento, sull’autogestione e sul volontariato, con piena titolarità, autonomia e responsabilità delle proprie iniziative.

Art. 3 – Risorse economiche

Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito:

  • dal versamento delle quote sociali annuali,
  • dai contributi di enti, da erogazioni e lasciti diversi,
  • dell’autofinanziamento dei soci.

Il fondo comune costituito con le risorse di cui ai punti precedenti non può essere ripartito fra i soci né durante la vita dell’Associazione né all’atto del suo scioglimento, fatti salvi gli obblighi di legge.

Art. 4 – Soci

Il numero degli aderenti è illimitato. Sono soci tutti i maggiori di diciotto anni che, osservate le norme relative alla ammissione dei soci, vengono a far parte dell’Associazione. Essi sono tenuti al pagamento della quota sociale stabilita dal Consiglio Direttivo ed all’osservanza degli altri obblighi in seguito specificati.

Art. 5 – Criteri di ammissione ed esclusione dei soci

Per entrare a far parte dell’Associazione gli aspiranti debbono accettare incondizionatamente il presente Statuto e uniformarsi alle sue clausole, nonché alle prescrizioni degli eventuali altri atti emanati a cura del Consiglio Direttivo. Chiunque desideri essere ammesso  nell’Associazione deve fare domanda al Consiglio Direttivo. Con la domanda di obbliga ad assumere incondizionatamente tutti i doveri ed impegni di associato. Le ammissioni sono di esclusiva competenza del Consiglio Direttivo, il quale, tenuto conto delle informazioni del caso, prende le opportune deliberazioni che sono inappellabili.

Il rapporto sociale si estingue:

  1. con le dimissioni del socio;
  2. con l’esclusione deliberata dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo per:
  • mancato versamento della quota sociale scaduta da oltre tre mesi;
  • comportamento contrastante con gli scopi dell’Associazione;
  • persistenti violazioni degli obblighi statutari.

In ogni caso, prima di procedere all’esecuzione, devono essere contestati per iscritto al socio gli addebiti che allo stesso vengono mossi, consentendo la facoltà di replica.

Art. 6 – Doveri e diritti degli associati

I soci sono tenuti:

  • ad osservare il presente Statuto, i regolamenti interni e le deliberazioni del Consiglio Direttivo;
  • a mantenere sempre un comportamento nei confronti dell’Associazione;
  • a versare la quota associativa;

I soci hanno diritto:

  • a partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione;
  • a partecipare all’Assemblea con diretto di voto;
  • al voto per l’approvazione del rendiconto annuale;
  • al voto per l’approvazione delle modifiche dello Statuto, nonché per la nomina e la regolamentazione degli organi direttivi dell’Associazione;
  • ad accedere alle cariche sociali.

I soci non possono vantare alcun diritto nei confronti del fondo comune né sui beni e sul patrimonio dell’Associazione.

Art. 7 – Organi dell'associazione

Sono organi dell’Associazione:

  1. il Presidente
  2. il Vice-presidente
  3. il Consiglio Direttivo
  4. l’Assemblea dei soci.

Tutte le cariche sociali sono conferite a titolo gratuito e non previsti compensi per coloro che ricoprono le cariche sociali.

Art. 8 – Il presidente dell'associazione

Il Presidente, nominato dal Consiglio Direttivo, ha il compito di presiedere lo stesso nonché l’Assemblea dei soci. Al presidente è attribuita la rappresentanza dell’Associazione di fronte a terzi ed in giudizio, in caso di sua assenza o impedimento le sue funzioni spettano al Vice-presidente. Il Presidente cura l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo e in caso d’urgenza, ne assume i poteri chiedendo ratifica allo stesso dei provvedimenti adottati nell’assemblea immediatamente successiva. L’amministrazione ordinaria e straordinaria spettano al Presidente con firma congiunta del Vice-presidente.

Art. 9 – Il consiglio direttivo

Il Consiglio Direttivo è nominato dall’Assemblea dei soci fra i soci medesimi. Deve essere composto da un numero dispari che può variare da 5 a 9 membri. L’Assemblea stessa ha facoltà di revocare il mandato in caso di inadempienze. I membri del Consiglio Direttivo rimangono in carica 3 anni e sono rieleggibili. Nel caso in cui, per dimissioni o altre cause, uno o più componenti del Consiglio Direttivo decadono dall’incarico, il consiglio deve provvedere alla loro sostituzione nominando i primi fra i non eletti, che rimangono in carica fino allo scadere dell’intero Consiglio Direttivo. Ove decada oltre la metà dei membri del Consiglio Direttivo, l’Assemblea deve provvedere alla nomina di un nuovo Consiglio.

Al Consiglio Direttivo sono affidate le attribuzioni inerenti:

  • funzionamento tecnico, amministrativo ed organizzativo dell’Associazione;
  • compimento degli atti necessari per l’acquisizione dei fondi per il funzionamento dell’Associazione;
  • determinazione delle quote associative;
  • deliberazione sull’ammissione ed esclusione dei soci;
  • predisposizione del rendiconto economico e finanziario.

Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice-presidente. Il Consiglio Direttivo è convocato ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o quando almeno tre dei suoi componenti ne facciano richiesta. Assume le proprie deliberazione con la presenza della maggioranza dei suoi membri ed il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti. I verbali di ogni adunanza del Consiglio Direttivo, redatti a cura del segretario e sottoscritti dallo stesso e da chi ha presieduto l’adunanza, vengono conservati agli atti.

Art. 10 – L'assemblea dei soci

L’Assemblea generale dei soci è il massimo organo deliberativo dell’Associazione. Deve essere convocata ogni sei mesi e può essere ordinaria e straordinaria. Ogni associato dispone di un solo voto e potrà farsi rappresentare in Assemblea da un altro associato con delega scritta. Ogni socio non può ricevere più di una delega. L’Assemblea ordinaria indirizza tutta l’attività dell’Associazione e in particolare:

  • approva il rendiconto economico e finanziario;
  • nomina i componenti del Consiglio Direttivo;
  • delibera su tutti agli altri oggetti sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo.

E’ convocata dal Presidente ogni anno per la presentazione e l’approvazione del rendiconto economico e finanziario. La convocazione dell’assemblea sarà fatta tramite comunicazione telefonica o postale agli associati, nonché con ogni altra forma di pubblicità che il Consiglio Direttivo ritenga opportuno adottare per garantire l’effettività del rapporto associativo. L’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, sarà ritenuta valida in prima convocazione quando sia presente la metà più uno dei soci; in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti. Le deliberazioni dell’Assemblea sono valide quando siano approvate dalla maggioranza dei presenti.

Le assemblee straordinarie possono essere convocate in qualsiasi momento:

  • per sostituire i membri del Consiglio o degli altri organi dell’Associazione;
  • per modificare dall’Atto Costitutivo, dello Statuto o dei regolamenti sociali.

Di ogni riunione dell’Assemblea viene redatto regolare verbale sottoscritto dal Presidente e dal segretario dell’Assemblea.

Art. 11 -  Esercizio sociale

L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.

Art. 12 - Disposizioni generali

E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la distribuzione o la destinazione siano imposte dalla legge. E’ fatto altresì obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività previste nell’oggetto sociale e di quelle ad esse direttamente connesse.

Art. 13 -  Scioglimento dell'associazione

Lo scioglimento dell’Associazione prima dei termini statutari non potrà essere deliberato che da una riunione dell’Assemblea straordinaria espressamente convocata, che nominerà uno o più liquidatori. In caso di scioglimento, cessazione ovvero estinzione, il patrimonio dell’Associazione sarà devoluto ad altro ente o associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 14 – Controversie

Le controversie che dovessero insorgere all’interno dell’Associazione tra i soci, o tra i soci e l’Associazione, saranno deferite ad un collegio arbitrale composto di tre membri nominati uno da ciascuna della parti ed il terzo di comune accordo fra i suddetti, o in difetto, dal Presidente della Camera di Commercio. Il collegio arbitrale funzionerà con i poteri di amichevole composizione ed è esonerato da ogni formalità di procedura.

Per tutto quanto non previsto nel presente statuto si fa riferimento alle disposizioni di legge in materia.

Letto, approvato e sottoscritto.

Sassuolo, lì 01 Gennaio 2002

News

<< >>

Rosa Rosae

Rosa  Rosae

Sabato 6 luglio 2013 l' Associazione Biasin ha invitato amici e interessati nella splendita cornice del giardino della casa di An...

Vai alla notizia

Rosa Rosae

Rosa  Rosae

Sabato 6 luglio 2013 l' Associazione Biasin ha invitato amici e interessati nella splendita cornice del giardino della casa di An...

Vai alla notizia

Parlare dell'arte con i protagonisti dell'arte

Parlare dell'arte con i protagonisti dell'arte

Grande successo alla serata "Parlare d'Arte" organizzata dall'Associazione Biasin presso Casa Tagliavini.

Vai alla notizia

L'Aura non c'è

L'Aura non c'è

“L’aura non c’è”, testi e pretesti sassolesi: verrà presentato domani sera, mercoledì 14 dicembre a partire dalle ore 21 presso l’...

Vai alla notizia

Successo per "La detestata soglia" al Teatro Carani

Successo per

 L' Associazione Culturale Biasin ha presentato il 26 Febbraio 2011: "La detestata soglia"  Pièce teatrale in atto ...

Vai alla notizia

Incontri Editrice

Incontri Editrice

Dalla sua nascita, l'attività dell'Associazione Culturale "Gian Paolo Biasin" è stata affiancata dalla pubblicazione di libri come...

Vai alla notizia